Guide più commentate

Dom, 26/06/2011 - 17:01

Installare Skype in Mageia 1

Inviato da killer1987

Ciao a tutti,

ecco una breve guida su come installare Skype su Mageia 1:

Per prima cosa, punta il tuo browser su skype.com e scegli download->Linux (Fedora).

Dovrebbe iniziare il download; presumendo che venga scaricato il file rpm nella tua cartella Scaricamenti, apri il terminale, diventa root con:

$ su -

quindi digita:

# cd /home/UTENTE/Scaricati

e infine:

# rpm -Uvh --nodeps skype-2.2.0.35-fedora.i586.rpm




Dom, 26/06/2011 - 00:11

Come installare Mageia in multiboot con Grub2

Inviato da Bourbon

Ciao a Tutti Smile

Se a qualcuno dovesse capitare di riservare una partizione del proprio HD a Mageia, in presenza di altri SO già installati ed avendo Grub2 in uso, occorre smanettare un po' per aggiungere Mageia, nel caso molto probabile che non si avvii.




Ven, 08/06/2012 - 18:29

Skype 2.2.0.99 for Mageia 2 64 bit

Inviato da specialworld83

Nuova versione di skype disponibile per mageia a 64 BIt, a breve anche disponibile per la versione a 32 bit:

aggiungere il repo CodeLinSoft:

su
password:

urpmi.addmedia CodeLinSoft http://www.codelinsoft.it/mirror/

Adesso lanciate da terminale:

rpm -ivh --nodeps --force http://www.codelinsoft.it/mirror/skype-2.2.0.99-69mga2.x86_64.rpm

Sempre da utente root eseguite il comando:




Gio, 23/06/2011 - 17:16

Come scrivere una guida

Inviato da Sarkiapone

Nel testo della guida non inserite faccine, commenti bizzarri, ciauz, byez, tvb, tvtb o  quant'altro, attenetevi ad un testo formale ed in italiano corrente.

La guida deve essere scritta come testo semplice, senza nessun tag html. Lasciando una riga vuota il testo và a capo automaticamente.




Gio, 23/06/2011 - 17:19

Come usare il tag [code]

Inviato da Sarkiapone

Quando si scrive un articolo, un commento nel forum, o anche solo una pagina del blog, capita spesso di dover inserire alcune porzioni di codice, ad esempio per riportare un file di configurazione, o per indicare comandi da dare in una shell.

A differenza del testo discorsivo, in cui gli spazi e gli "a capo" possono essere modificati con grande libertà per riempire al meglio lo spazio disponibile sulla pagina, il codice dev'essere riportato così com'è, rispettando la spaziatura originaria e possibilmente usando un carattere a larghezza fissa, senza legature e con glifi chiaramente distinguibili.